È obbligatorio l’uso di mascherina, la disinfezione delle mani e per accedere agli scaffali dei libri guanti monouso.

Novità e Agenda

Emozioni Settembre 2020

Riassunto di questo articolo

Arrivi Settembre 2020

Nuovi titoli vi aspettano in biblioteca. Autori italiani e stranieri, generi diversi per accontentare i palati più fini.

Vi aspettiamo!

 


Dove andiamo in tempi come questi?

In una terra lontana, dietro le montagne Parole, lontani dalle terre di Vocalia e Consonantia, vivono i testi casuali. Vivono isolati nella cittadina di Lettere, sulle coste del Semantico, un immenso oceano linguistico. Un piccolo ruscello chiamato Devoto Oli attraversa quei luoghi, rifornendoli di tutte le regolalie di cui hanno bisogno.

È una terra paradismatica, un paese della cuccagna in cui golose porzioni di proposizioni arrostite volano in bocca a chi le desideri. Non una volta i testi casuali sono stati dominati dall’onnipotente Interpunzione, una vita davvero non ortografica. Un giorno però accadde che la piccola riga di un testo casuale, di nome Lorem ipsum, decise di andare a esplorare la vasta Grammatica.


Pianissimo #12.2019

il Natale è ormai alle porte e quello che avete tra le mani è proprio un grande regalo!…

Carissime lettrici e carissimi lettori del Pianissimo,

il Natale è ormai alle porte e quello che avete tra le mani è proprio un grande regalo! L’ultimo numero di questo notiziario, che con grande fedeltà ha narrato le storie, i desideri, alle volte anche i dolori della nostra parrocchia e del territorio nel quale siamo piantati. Fa quasi strano dire che un ultimo numero è un regalo, ma se non vediamo solo la fine, ma anche tutto il lungo cammino e la dedizione (specialmente di Claudio Bez) che ci sono state, allora possiamo capire che quello che abbiamo tra le mani è veramente un dono. Ogni dono vuole suscitare qualcosa di positivo in chi lo riceve, al netto di tutti i doni di convenienza o di convenzione sociale. Se ti regalo qualcosa con il cuore, voglio almeno che tu sia felice, che l’oggetto in questione ti sia utile, ti faciliti la vita, ti apra nuove prospettive e che quindi la tua vita sia, a partire dal momento in cui scarti il “pacchetto”, almeno un po’ diversa. Così è stata l’intenzione di questi decenni di Pianissimo: informare, rallegrare, far riflettere, ma soprattutto crescere almeno un po’ come comunità, sentirsi parte di una comunità e domandarsi come potervi partecipare al meglio. Tutto questo speriamo non vada perduto con la fine della stampa del Pianissimo, ma che continui il bisogno di uscire dal proprio individualismo a favore di una realtà più grande.

Così, mentre teniamo in mano questo regalo cartaceo, ci troviamo davanti ad un Dono ancora più grande, con la D maiuscola! Ancora una volta Gesù sceglie di venirci a visitare con tutto se stesso. La nascita di Gesù, nonostante le valanghe di oggetti, promozioni, canzoncine storpiate per uso politically correct e lucine che stanno soffocando il significato vero del Natale, rimane un Dono per il nostro bene, perché la nostra vita possa avere una conversione, un nuovo/rinnovato cammino, perché possiamo scoprire che solo nel cuore della donazione, che Cristo ci annuncia dalla mangiatoia e poi dall’altare, facendosi mangiare, troveremo il cuore della nostra vita.

Come per il Pianissimo, così per il Natale, dobbiamo vedere tutta una storia, una dedizione, un amore che ci sta dietro per poterlo accogliere sul serio ed evitare che ci scivoli via, come purtroppo sempre più spesso succede. Gesù vuol ricreare comunione tra Dio e tutti noi. Senza questo, il Dono che abbiamo davanti rimarrà lì a guardarci senza però poter avere l’effetto per cui è stato pensato. Vi offro una piccola preghiera di attesa/accoglienza/attenzione. Un abbraccio a tutti.

Buon Natale!

Don Mario,
insieme a don Timothy e don Carlo

Questi sono i titoli che legge nel PDF:

  • Dicembre 1979: È nato “Pianissimo”
  • I miei incarichi di disegnatore per “Pianissimo”
  • Avvento tecnologico
  • Ciao Andrea!
  • Castagnata gruppo anziani 2018
  • Festa di S. Martino
  • Volontarie in trasferta
  • Lettura del Mercoledí
  • La canzone come poesia
  • “Sagapó teatro” in biblioteca
  • Tesseramento 2020

Qui il PDF da scaricare: Pianissimo Dicembre 2019


Pianissimo #11.2019

Il mese che stiamo iniziando, novembre, è comunemente chiamato il mese dei morti, ed assistiamo ad un’impennata di vendite di crisantemi e di lumini da morto, per l’appunto…

Carissime lettrici e carissimi lettori del Pianissimo.

Il mese che stiamo iniziando, novembre, è comunemente chiamato il mese dei morti, ed assistiamo ad un’impennata di vendite di crisantemi e di lumini da morto, per l’appunto. Ma in realtà il mese inizia con la festa dei Santi, di tutti i Santi e questo dovrebbe dare la cifra a tutto questo intenso periodo che conclude l’anno liturgico, prima di riaprirlo con l’Avvento. La santità è forse il tema meno approfondito a livello personale dalla comunità cristiana. Se nel battesimo ciascuno di noi è chiamato a diventare santo, ad indossare cioè l’abito di Cristo, le Sue abitudini, a comportarci insomma come Lui, nel proseguo della nostra vita cristiana ci accontentiamo di venerare statue e santini per allontanare, in qualche maniera, la richiesta di testimonianza cristiana, che Dio continua a farci per il nostro bene, per la nostra pienezza.

Per cogliere questa sfida, sempre attuale, voglio suggerirvi due brevi passi dalle omelie di papa Francesco, in occasione del mese missionario straordinario. La prima è tratta dalla predica in occasione della Giornata Mondiale Missionaria del 20 ottobre 2019: “Isaia ci esorta:

«Venite, saliamo sul monte del Signore» (2,3). Non siamo nati per stare a terra, per accontentarci di cose piatte, siamo nati per raggiungere le altezze, per incontrare Dio e i fratelli. Ma per questo bisogna salire: bisogna lasciare una vita orizzontale, lottare contro la forza di gravità dell’egoismo, compiere un esodo dal proprio io. Salire, perciò, costa fatica, ma è l’unico modo per vedere tutto meglio, come quando si va in montagna e solo in cima si scorge il panorama più bello e si capisce che non lo si poteva conquistare se non per quel sentiero sempre in salita.

E come in montagna non si può salire bene se si è appesantiti di cose, così nella vita bisogna alleggerirsi di ciò che non serve. È anche il segreto della missione: per    partire bisogna lasciare, per annunciare bisogna rinunciare. L’annuncio credibile non è fatto di belle parole, ma di vita buona: una vita di servizio, che sa rinunciare a tante cose materiali che rimpiccioliscono il cuore, rendono indifferenti e chiudono in sé stessi; una vita che si stacca dalle inutilità che ingolfano il cuore e trova tempo per Dio e per gli altri. Possiamo chiederci: come va la mia salita? So rinunciare ai bagagli pesanti e inutili delle mondanità per salire sul monte del Signore? La mia strada è in salita o in “arrampicamento”?

La seconda è tratta dall’omelia per i Vespri d’apertura del Mese missionario, 1 ottobre 2019: “Si diventa missionari vivendo da testimoni: testimoniando con la vita di conoscere Gesù. È la vita che parla. Testimone è la parolachiave, una parola che ha la stessa radice di senso di martire. E i martiri sono i primi testimoni della fede: non a parole, ma con la vita. Sanno che la fede non è propaganda o proselitismo, è rispettoso dono di vita. Vivono diffondendo pace e gioia, amando tutti, anche i nemici per amore di Gesù. Così noi, che abbiamo scoperto di essere figli del Padre celeste, come possiamo tacere la gioia di essere amati, la certezza di essere sempre preziosi agli occhi di Dio? È l’annuncio che tanta gente attende. Ed è responsabilità nostra. Chiediamoci in questo mese: come va la mia testimonianza?”

Don Mario

Questi sono i titoli che legge nel PDF:

  • Orari festività dei santi
  • Commemorazione dei defunti
  • Iniziata la catechesi
  • San Martino
  • Scuola di danza ai piani
  • Ginnastica e castagne
  • Spaziolibro 2019
  • Al Caffé del mercoledí

Qui il PDF da scaricare: Pianissimo Novembre 2019


Pianissimo #10.2019

Ringrazio tanto il Vescovo Ivo per l’opportunità di fare questa nuova esperienza con voi e di potermi arricchire nella vostra comunità…

Don Timothy, nuovo cappellano

Ringrazio tanto il Vescovo Ivo per l’opportunità di fare questa nuova esperienza con voi e di potermi arricchire nella vostra comunità. Sono contento di poter servire e camminare con voi. Sicuramente il Signore benedirà la mia vita attraverso la vostra carità e la vostra testimonianza. Chiedo le vostre preghiere all’inizio di questa nuova avventura, affinché io sia per voi quello che lo Spirito desidera.

Due parole su di me: sono nato il 22 maggio 1964 a Manchester, New Hampshire USA.

Finito la scuola superiore ho studiato economia a Hesser College con una borsa di studio per giocare a pallacanestro. Dopo l’università ho lavorato per cinque anni in un concessionario di macchine. A 25 anni sono andato in Messico per fare un’esperienza di missionarietà e là ha scoperto la chiamata al sacerdozio. Sono entrato in seminario nel 1989 negli Stati Uniti. Dal 1992 al 1994 ho studiato filosofia a Roma. Dal 1994 al 1996 ho lavorato come formatore dei seminaristi in Messico e negli Stati Uniti. Dal 1996 al 1999 ho studiato teologia e sono stato formatore dei seminaristi a Roma. Il 29 giugno 1999 sono stato ordinato diacono e il primo gennaio 2000 sacerdote a Roma. Dal 2000 fino al 2014 ho fatto servizio in Italia, soprattutto nel Veneto e nell’Alto Adige, facendo pastorale giovanile e familiare. Ho servito come rettore del seminario a Gozzano (Novara). Dal 2014 al 2018 ho vissuto in Israele, incaricato del sito archeologico di Magdala. Tornato in Italia sono stato cappellano a Oltrisarco nelle parrocchie di S. Rosario e S. Paolo nel biennio 2018–2019. Dal primo settembre 2019 sono diventato il cappellano del Duomo/S. Domenico/Piani.

Don Timothy

Questi sono i titoli che legge nel PDF:

  • In breve
  • Pellegrinaggio diocesano a Oies 26 ottobre 2019
  • Soggiorno bis a Igea Marina
  • Riunione del CCP del 21.9.18
  • Prossimi appuntamenti
  • Spaziolibro
  • Caffé in amicizia
  • Riapertura a pienoregime

Qui il PDF da scaricare: Pianissimo Ottobre 2019


Orari di apertura

Lunedì: 14:30–18:30
Martedì: 08:30–12:30
Mercoledì: 08:30–12:30 / 15:30–18:30
Giovedì: 08:30–12:30
Venerdì: 08:30–12:30 / 15:30–18:30

Orario dal 5 ottobre.
Gli orari possono subire variazioni.

VEDI TUTTI GLI ORARI

Iscrizione

L’accesso alla Biblioteca Piani è libero a tutti rispettando gli orari di apertura e alcune regole per i minorenni non accompagnati da un adulto.

Newsletter





Utilizza il seguente modulo per iscriverti alla nostra newsletter e ricevere aggiornamenti regolari sulle nostre attività.